Breve storia del Canada

Breve storia del Canada

Nel 1535 riferendosi al villaggio degli Uroni e Irochesi, Stadakona (L'attuale città di Quebec) alcuni giovani indicarono a Jacques Cartier la direzione verso "Kanata". Cartier usava questo termine per indicare non solo quella città ma una area molto più ampia. Le mappe del metà del 15mo secolo indicano come Canada tutto ciò che si trovava a nord del fiume Lawrence. Il primo uso ufficiale fu nel 1800 quando la provincia di Quebec venne divisa in due colonie; quella superiore e quella inferiore sino a quando nel 1841 furono riunite nella sola provincia del Canada e al momento della formazione della Confederazione, "Canada" fu il nome che fu adottato.

E' la seconda nazione con la maggior superficie al mondo con oltre 9 milioni di chilometri quadrati mentre ha solo una popolazione di circa 33 milioni (la 33ma nel mondo). La popolazione é concentrata per il 60% nelle province di Quebec e Ontario. Nel 1775 erano in 90,000. E'ricchissima di laghi e montagne fra cui le famose montagne rocciose. Le due lingue principali sono l'Inglese e Francese come vedremo dalla sua storia. Ancora oggi si tengono ogni tanto referendum per tentare di dividere il paese in due.

Gli indios erano conosciuti come "Genti delle prime nazioni", "Aborigeni" o "Nativi".
Le ricerche archeologiche indicano che i Nativi arrivarono dal Nord America circa 40,000 anni fa attraversando un lembo di terra ghiacciato fa l'Asia ed Alaska. 
Circa 9000 anni fa gli Uroni si insediarono lungo il fiume Eramosa concentrandosi fra il lago di Simcoe e la Georgia Bay quando il territorio era coperto di ghiacci e popolato da Caribù che venivano cacciati per nutrirsi. 7000 anni fa la costa occidentale fu abitata da varie culture quando si dava caccia al salmone e balene, in particolare nell'isola di Vancouver, che allora si chiamava Nookta. 100 anni dopo la caccia dei bufali divenne la principale attività degli indiani delle pianure. 2000 anni fa arrivarono gli Inuit con piccole barche dopo che il passaggio terrestre ghiacciato si era sciolto, insediandosi nelle regioni artiche. Poi, i ghiacci si sciolsero e gli Uroni abbandonarono la caccia divenendo contadini, coltivavando gran turco. In quei secoli, i nativi con centinaia di tribu si erano insediati in tutto il Canada con le loro culture, leggende e caratteri. Nel 1000 d.C. arrivarono i Vikinghi ma non riuscirono a battere gli indios ed insediarsi. Nel 13mo secolo la Chiesa di Roma mandò un norvegese per reclamare la Groenlandia mentre un secolo dopo il Norvegese Henry Siclair sbarcò nell'attuale Nuova Scozia ed insegnò agli indios a pescare con le reti. Nel 1400 i baschi cominciarono a pescare le balene al largo del Labrador. 
Poi tutto cambiò nel 1492 con l'arrivo di Cristoforo Colombo che aprì la strada all'arrivo di colonizzatori con una nuova era di esplorazione europea. John Cabot provenendo da Bristol arrivò nel 1497 e reclamò a nome del Re Enrico VII quella terra che prese il nome di Terra Nova. Come in tutta l'america cominciò la cattura degli indiani come schiavi e l'invio in Europa delle prime risorse quali il pesce, l'oro, minerali e nuove verdure da noi sconosciute. Nel 1523 Giovanni da Verrazzano (il cui nome venne dato al lungo ponte sospeso nella Baia di new York) reclama a nome della Francia la 'Nuova Gallia', la 'Nuova Francia'. Nel futuro vi furono aspri combattimenti fra le truppe francesi, quelle spagnole ed Inglesi.
Nel 1578 incominciò la febbre dell'oro. Nel 17mo secolo arrivarono i Gesuiti che cercarono senza successo a convertire gli Indiani. Dopo la guerra di successione spagnola all'inizio del 1700 i Francesi furono costretti a riconoscere gli insediamenti inglesi della Baia di Hudson e di New Foundland. Nel 1759 gli inglesi conquistarono militarmente la città di Quebec e nel 1760 la città di Montreal. Nel 1763 fu firmato il trattato di Parigi dove i francesi arresero tutti i suoi territori agli inglesi a cui rimase poi il problema della gestione dei Franco Canadesi e con l'Atto di Quebec del 1774 fu permesso loro di mantenere le loro leggi civili francesi e di praticare la loro religione cattolica. 
Vi furono degli scontri durante la Guerra Americana ma gli americani furono respinti. Le popolazioni Anglo Canadesi e Franco Canadesi delle due aree, quelle del Canada superiore e del Canada Inferiore, nel 1867 furono federate nel Dominio del Canada con un forte governo centrale insediato ad Ottawa la nuova Capitale con primo ministro Sir John Mcdonald. Manitoba divenne provincia nel 1870 e la Columbia Britannica entrò nella Confederazione nel 1871. Nel 1905 vi entrarono pure Alberta e Saskatchewan.

L'economia crebbe rapidamente e nel 1885 fu completata la ferrovia transcanadese la "Canadian Pacific Railway". Più di 60,000 canadesi morirono durante la prima guerra mondiale e nella seconda ne morirono 45,000. Le testimonianze di questo sacrificio si vedono nei numerosi cimiteri di guerra che si trovano in Italia. Negli anni 1950 - 60 l'economia ebbe una crescita incredibile con l'arrivo di numerosi emigrati fra cui un grandissimo numero dall'Italia, oggi divenuti cittadini canadesi.

Vale la pena visitare questo meraviglioso paese nel periodo da maggio a settembre perché poi l'inverno rende tutto molto difficile.